Resta in contatto

News

Lazio, la telefonata di Bakayoko ad Acerbi

Lazio, Francesco Acerbi

Il centrocampista del Milan avrebbe chiamato il difensore della Lazio per chiarire una volta per tutte l’accaduto

Pace fatta tra Acerbi e Bakayoko, il cui gesto ha acceso il clima di Milan-Lazio, gara che si giocherà di nuovo tra 8 giorni per il ritorno della semifinale di Coppa Italia.

Dopo i messaggi distensivi postati sui social ieri,  l’ANSA riporta che il centrocampista rossonero avrebbe telefonato al difensore della Lazio.

“Ho massimo rispetto per te. – le dichiarazioni del francese tramite un dirigente del club che faceva da interprete – È vero, il nostro è stato uno sfottò, ma non c’era malizia: non volevamo assolutamente offendere te e la Lazio“.

30 Commenti

30
Lascia un commento

avatar
26 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Nello Di Gennaro Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Certo ….mo state a senti la puzza de squalifica.tanto lo so….tarallucci e vino

Commento da Facebook

Buffonata!

Commento da Facebook

Squalificateliiiiiiiiii !!!!! È quello che si meritano.

Commento da Facebook

Paraculata societaria

trackback

[…] La vicenda Bakayoko-Acerbi – era facile da prevedere – ha superato i confini nazionali. Il gesto della maglia esposta ha scatenato una polemica accesissima e ricca di capitoli: l’ultimo, quello della telefonata del centrocampista rossonero al difensore della Lazio. […]

Commento da Facebook

Le scuse sono d obbligo, ma nn tolgono che devono essere puniti e basta! E poi batterli su campo in coppa è d obbligo!

Commento da Facebook

Se fossero stati due giocatori laziali… tra Rai… Mediaset… Sky e chi più ne ha più ne metta…ci avrebbero fatto ore e ore di trasmissione!!!La loro invece è sempre e solo “goliardia”!!!La maglia non si tocca…fra giocatori fanno un po’ come gli pare!!!

Commento da Facebook

Guardate le loro facce peggio degli interisti lo scorso anno

Commento da Facebook

Beccamorto ha chiamato Acerbi per dimostrarsi ancor di più beccamorto

Commento da Facebook

Lesione crociato per entrambi

Commento da Facebook

Che oramai se la può mettere in quel posto la cornetta

Commento da Facebook

Quando si fanno i buuu ( inaccettabili ) si chiude un settore dello stadio giustamente !!!!!
Quando fanno loro qualche stupidaggine non può finire con delle scuse ….SQUALIFICA!!!

Commento da Facebook

Si è offesa la maglia la LAZIO e tutti noi tifosi.

Commento da Facebook

Se fossero stati due giocatori occidentali ha fare lo stesso gesto con una maglia di un giocatore di colore sarebbero stati squalificati a vita !!!

Commento da Facebook

La prossima volta che i tifosi sbagliano allora comunicato di scuse e finisce tutto!!!! Ok??

Commento da Facebook

Niente telefonata,niente scambio Fair play,solo un un pensiero 24 aprile.

Commento da Facebook

che della telefonata me ne frega poco.Quella è la maglia della Società Sportiva Lazio..qui non si parla più di Acerbi.Questa è una cosa gravissima.

Commento da Facebook

Può anche averlo chiamato per scusarsi ma rimane sempre un uomo di m…… mentre Acerbi uno sportivo vero e un grande uomo.

Commento da Facebook

Sono stati obblicati dalla societa’……Cosi e’troppo facile…..tanto sono sicura che non prenderanno niente…
.perche’sono di colore……e poi perche ‘la maglia e’ della LAZIO…non frega niente a nessuno…..infatti nei confronti di quei due sono tutti buonisti…..!!!!!

Commento da Facebook

Vogliamo la squalifica e pure esemplare

Commento da Facebook

Non basta.bakayoko kissie. ..siete piccoli piccoli.! Basso livello sportivo…..educativo

Commento da Facebook

Può andare bene per loro! Il gesto era offensivo verso la maglia i colori ed il simbolo, la maglia è dei tifosi! I tifosi non hanno ricevuto scuse. Punto!

Commento da Facebook

Tibia e perone

Nello Di Gennaro
Ospite
Nello Di Gennaro

Se la situazione era inversa, avrebbero cavalcato il razzismo fate pena.

Commento da Facebook

Penso che siano lacrime di coccodrillo dettate dalla società per evitare una sonora squalifica che spero arrivi. Le scuse sincere non vanno pubblicizzate. Il Milan ne esce con le ossa rotte.

Commento da Facebook

La maglia e della Lazio non di Acerbi non passa sta cosa.

Commento da Facebook

A paura della squalifica

Commento da Facebook

Ipotizziamo che la cosa fosse stata fatta da altri giocatori, un comunicato penoso e una telefonata sarebbero bastati? L’incitazione ai cori che sono partiti da quella curva dopo aver esposto “lo scalpo” chi l’ha data? Quale messaggio è arrivato ai piccoli titosi del Milan in quel momento? “Scusa non lo faccio più” non basta. Quella maglia è la nostra storia oltre ad essere la maglia di un nostro giocatore.

Commento da Facebook

Se va be’

Commento da Facebook

Se ja’ risposto ha sbajato

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a ROMA su Sì!Happy

Altro da News